Password: come crearne una imbattibile e memorizzabile?

La Password per l’home banking, la Password per il computer, la Password per la connessione Internet, la Password per la casella e-mail, la Password per i negozi online, la Password per tutti i Social Network  ecc. ecc. l’elenco potrebbe continuare all’infinito visto che ormai nella vita di tutti i giorni c’è una password per tutto!!!

Ma che cos’è una password? Con questo termine inglese (in italiano “contrassegno”, “parola chiave”, “chiave”, “parola d’ordine” o anche “parola di accesso” ) si identifica una sequenza di caratteri alfanumerici utilizzata per accedere in modo esclusivo a una risorsa informatica(WIKIPEDIA). Ma come creare una password, anzi, una per ogni servizio in cui ci viene richiesta, che sia efficace e allo stesso tempo memorizzabile?

Molti utenti, anche troppi, scelgono la soluzione più semplice: un’unica password per tutti i sistemi e/o una password estremamente facile da ricordare e altrettanto facile da hackerare.

Lo sai che «123456» e «password» sono le passwords più utilizzate nel 2014 ed ovviamente le peggiori parole chiave adottate in tema di sicurezza? Anche se non siete tra quelli che hanno adottato queste due passwords, potreste comunque aver bisogno di qualche consiglio per semplificare la vostra vita.

Per evitare il costante pericolo di attacchi hacker e furti di identità, ma allo stesso tempo per evitare di mettere a dura prova la vostra memoria è bene continuare a leggere qui (dai consigli più banali e comuni a quelli che vi cambieranno il modo di inventare le passwords) :

  • usare una password diversa per ogni account;
  • usare una password lunga e complessa, perché così aumentano molto le possibili combinazioni necessarie per indovinare la password ed anche i tempi necessari ai programmi usati dagli hackers per decriptarla. La lunghezza minima è di 8 caratteri che contengano numeri, simboli, lettere maiuscole e minuscole, ma se l’account lo consente meglio aumentare il numero dei caratteri il più possibile;
  • crea una password che oltre ad essere lunga e complessa sia anche casuale, aggiungendo elementi casuali al suo interno, cioè più parole che non sono legate concettualmente tra loro, in quanto gli hackers, conoscendo tutti i più frequenti patternsdi costruzione delle passwords, grazie ai loro algoritmi riescono a risalire anche a queste passwords ;
  • puoi creare una password con più parole scritte al contrario, ovviamente correlata da simboli per aumentarne la complessità, ma ricordati di non usare la stessa parola ripetuta al contrario (es. “ssenisub ssenisub”)
  • oppure puoi usare un modo di dire come password, ma sostituendo ad esempio le “i” con gli “1”, o la “a” con “@“;
  • od anche si può creare una password composta da 4 parole a caso o da una poesia breve in rima che aiuti a ricordarla e che allo stesso tempo risulta essere difficile se non impossibile da decifrare per un hacker;
  • non utilizzare mai informazioni personali (come la data del tuo compleanno, il tuo nome utente ecc.);
  • non usare mai parole molto comuni;
  • non usare una password composta da una sola parola, ma usa sempre più parole;
  • assicurati sempre che le opzioni di backup della password siano aggiornate e sicure;
  • tieni sempre al sicuro le tue passwords;
  • crea un file (ovviamente protetto da password) magari in Excel dove archiviare le passwords utilizzate e al contempo utile per averle sempre a portata di mano quando servono e per evitare continui sforzi di memoria.

La tua password non seguiva nessuna di queste regolette? Che aspetti a cambiarla?

Ricorda più facile è la password da digitare e da ricordare e più facile sarà da rubare. Metti al sicuro la tua privacy segui questi piccoli accorgimenti che ti abbiamo suggerito.

 

Se hai bisogno di una consulenza rivolgiti alla 4M.A.N CONSULTING S.r.l.

Commenta
Condividi