Soft Skills digitali e non: le più utili per imprenditori!

Quali sono soft skills digitali (e non) più utili per un imprenditore?

Soft skills digitali e non: dalle ricerche di LinkedIn a quelle di Forbes passando per l’Unione Europea, tutti concordano sull’importanza di sviluppare le soft skills digitali e non per la crescita aziendale ed il successo imprenditoriale.

Il tema delle soft skill è molto ampio e c’è una richiesta continua sul mercato di professionisti che, oltre alle competenze tecniche, siano dotati delle competenze trasversali che stanno acquisendo un’importanza sempre maggiore.

Che cosa sono dunque le soft skills digitali e non, e quali sono le più utili per un imprenditore di una piccola o media impresa? In questo articolo faremo chiarezza su questo punto secondo il nostro modello di Performance Management.

Soft skills cosa sono: le competenze trasversali tra le più richieste sul mercato

Che cosa sono le soft skills e perché sono indispensabili per la crescita aziendale?

L’abbiamo già accennato: le soft skills – letteralmente, “competenze morbide” – sono competenze non specifiche rispetto al ruolo ricoperto da una risorsa e vengono generalmente considerate delle “attitudini” o “inclinazioni” del singolo individuo.

Si tratta di competenze che hanno a che fare principalmente con la capacità dell’individuo di gestire se stesso e creare relazioni di valore con le persone e con i gruppi. Vengono considerate di completamento alle hard skills – letteralmente, “competenze dure” – che sono di tipo tecnico e specifiche di un preciso ruolo professionale.

Un dato molto importante rispetto alle soft skills è che si tratta di competenze che – pur non venendo sviluppate in maniera didattica durante i percorsi scolastici ed universitari – possono essere misurate, allenate e migliorate in maniera specifica.

Inoltre, vista la trasformazione digitale oggi in atto, si è sviluppata una categoria di soft skills digitali emergenti: vediamo quali sono.

Digital Soft skills esempi: le competenze digitali e non per la crescita aziendale 

Entriamo nel concreto delle soft skills digitali e facciamo alcuni esempi.

Le soft skills, come anticipato, riguardano la capacità di gestire se stessi e creare relazioni di valore con persone e gruppi. Nello specifico, si tratta di competenze normalmente classificate come “capacità comunicative”, “team working”, “problem solving”, “motivazione”, “leadership”, “gestione dello stress”, “capacità di pianificare”, “attenzione ai dettagli”, “apprendimento continuo”, “intraprendenza/spirito d’iniziativa”. 

Questo elenco è abbastanza esaustivo, ma potrebbe portare molti più risultati a imprenditori di piccole e medie imprese se integrato con una informazione utilizzata nel nostro modello di Performance Management. Ne parleremo nel corso dell’articolo.

Le soft skills digitali, invece, fanno riferimento a competenze relazionali e comportamentali alla base di un uso efficiente degli strumenti digitali. Come abbiamo visto, per il fatto di essere “soft” non sono competenze specifiche di una particolare professionale digitale e si riferiscono ad un contesto ampio e più generale.

Secondo una rielaborazione di Partners4Innovation degli studi della Commissione Europea e del Politecnico di Milano, è possibile esemplificare le digital soft skills in 4 categorie: knowledge networking, virtual communication, digital awareness e self empowerment.

  • Knowledge networking: la capacità di raccogliere, rielaborare e condividere contenuti digitali sui social e online
  • Virtual communication: la capacità di gestire la propria identità digitale e comunicare efficacemente in ambienti digitali
  • Digital awareness: la capacità di tutelare la propria privacy, la netiquette e l’equilibrio tra salute e vita digitale
  • Self empowerment: la capacità di risolvere problemi tecnici e complessi padroneggiando gli strumenti digitali

Abbiamo così alcuni esempi di soft skills digitali e non, tra le più richieste attualmente sul mercato. Resta tuttavia da comprendere quali sono le più utili per un imprenditore di una piccola o media impresa e, soprattutto, come far sì che queste skills possano essere apprese in tempi rapidi e portare aumenti di redditività e crescita aziendale.

Digital Soft skills e non: come scegliere le più utili per un imprenditore di una PMI e svilupparle in tempi rapidi per la crescita aziendale

Quali sono e come si fa a scegliere le soft skills digitali e non, più utili per l’imprenditore di una PMI?

Adesso possiamo dare finalmente una risposta all’imprenditore di una PMI che ha l’urgenza di inserire o formare una risorsa e renderla performante in tempi brevi.

L’informazione di cui abbiamo parlato prima è questa: nei più diffusi elenchi di soft skills, manca la distinzione tra Talento e Competenze.

Ad esempio, soft skills come “leadership” e “problem solving” non possono essere messe sullo stesso piano di “gestione dello stress” ed “attenzione ai dettagli”: nel nostro modello di Performance Management, le prime fanno parte delle Competenze, le seconde dei Talenti.

Una seconda informazione è questa: nello sviluppo delle Competenze di una risorsa, spesso si trascura l’abbinamento tra Talento e Ruolo.

Ad esempio, un direttore commerciale è bene che abbia sviluppato Talenti e Competenze in maniera diversa rispetto ad un responsabile amministrativo, così come chi è sempre a contatto con la clientela avrà caratteristiche diverse da chi passa la maggior parte del tempo senza interagire coi clienti. Non tutte le risorse hanno bisogno di sviluppare le stesse soft skills nella stessa misura, un dato che dovrebbero tenere a mente sia gli imprenditori che i formatori!

Senza una corretta distinzione tra le aree Talenti e Competenze e Talenti e Ruoli, il rischio per l’imprenditore è uno spreco di denaro e risorse come l’assunzione di qualcuno non completamente adatto al ruolo ricercato, oppure la formazione di un collaboratore inadeguata rispetto a queste aree.

Quando invece effettuiamo una misurazione scientifica di Talenti, Competenze e Ruoli, il risultato è completamente diverso.

Prima di tutto, tramite il nostro servizio di valutazione del potenziale, possiamo “estrarre” i Talenti e le Competenze specifici di un imprenditore, di un manager o di un collaboratore e metterli in condizione di ottenere risultati superiori in base al ruolo ed alle proprie risorse.

Questo è possibile perché nel nostro modello di Performance Management lavoriamo contemporaneamente su Talento, Competenze, Idee, Marketing, Persone ed Errori di Gestione. È così che partendo dal Talento e dalle Competenze dell’imprenditore e dello staff, individuiamo e scegliamo insieme le soft skills (digitali e non) più utili, con una precisa analisi del fabbisogno e degli obiettivi aziendali.

Se sei un imprenditore e vuoi far crescere rapidamente la tua azienda migliorando le Competenze tue e del tuo staff, puoi richiedere una Valutazione del Potenziale e individuare con noi le soft skills più utili in questa fase della tua crescita aziendale.

SCOPRI LA VALUTAZIONE DEL POTENZIALE

Commenta
Condividi