Può esistere un marketing etico?

Il marketing come emozione e conoscenza della società

Create!: Progettare idee contagiose (e rendere il mondo migliore) non è un libro sul marketing, ma su come bisogna pensare prima di fare marketing.

Il punto di vista di Mirko Parrella (uno dei fondatori di Ninja Marketing) parte dall’idea che oggi il marketing non più costruito da un’azienda, ma dall’interazione costante dell’azienda con la società.

La rivoluzione del web ha reso possibile creare un discorso comune, nel quale ogni singolo individuo è in costante connessione col mercato: questo non può lasciare indifferente il marketing, che deve contestualizzarsi, e non solo.

Dato il suo potere persuasivo, il marketing deve trovare un modo non solo per vendere un prodotto ma anche per rendere il mondo un posto migliore.

Il discorso di Parrella è fortemente etico, e si basa sulla creazione di messaggi insieme agli utenti, ascoltandoli, sentendo i loro bisogni (i bisogni più profondi, non solo quelli che hanno a che fare col desiderio di un determinato bene o servizio).

C’è una frase, nel libro, che richiama molto un’affermazione di Steve Jobs: “Esci dall’ufficio ed entra nelle tribù e nei loro momenti di vita”.

Steve Jobs scrisse: “Accendi il cervello. Le nuove idee nascono guardando le cose, parlando alla gente, sperimentando, facendo domande e andando fuori dall’ufficio!”

E così ecco che Mirko spiega perchè nascono le idee contagiose, cosa le accomuna, contestualizzando il marketing alla nostra società: essere un bravo marketer, infatti, significa prima di tutto capire a fondo il tessuto sociale, adattare il prodotto ai mercati che ne usufruiranno, entrare nel cuore delle persone offrendo qualcosa di più di un semplice oggetto o servizio.

Ma vediamo qualche dettaglio interessante.

Il primo passo da compiere, se vuoi imparare a progettare idee contagiose, consiste nel “trasformare il tuo modo di vedere le cose.”

Oggi per lanciare un prodotto è necessario prima di tutto progettare una idea ed un prodotto che sia “contagioso in partenza”.

E’ fondamentale capire che sono le idee che muovono tutto, sono le idee che generano entusiasmo spontaneo fra le persone. E le innovazioni più importanti degli ultimi anni sono state innovazioni sociali (basta pensare a Facebook o all’iPhone).

Ed oggi è proprio grazie ad Internet che idee ben strutturate possono diffondersi a macchia d’olio e diventare virali; ma bisogna capire anche che è molto più facile copiare e citare che creare qualcosa di uovo ed originale. Ed è proprio la rete che spesso offre tantissimi spunti a chi vuole creare campagne pubblicitarie o alle agenzie di comunicazione.

Quindi la domanda è: cosa è virale?

Nulla è più virale delle emozioni e del desiderio di un amore vero e duraturo. Ma questo non significa che la tua idea o il tuo brand per essere virale debba semplicemente essere rappresentato da una emozione.

L’emozione deve colpire, affascinare, sconvolgere, far pensare, offrire un nuovo punto di vista: solo così si imprime nella mente e nel cuore delle persone, che non potranno fare a meno di parlarne.

E tu, sei in grado di fare marketing in maniera efficace con il tuo business?

Sei hai quache problema contatta subito la 4 M.A.N Consulting: soluzioni concrete per risultati immediati e duraturi.

Commenta
Condividi