Il social media manager e i “ferri” del mestiere

Il social media manager è uno dei lavori che sfrutta l’incidenza dei social network sul modo di comunicare, vivere e fare impresa nel Terzo Millennio.

Condividi

I social media, strumenti e finalità

Il social media manager è certamente uno dei lavori che maggiormente rispecchia la società moderna, dove l’utilizzo dei social network è diventato una componente fondamentale della vita di ognuno di noi. Dando una rapida occhiata ai maggiori siti di annunci di lavoro, si può vedere come il social media manager appaia nel 20% delle offerte.

Il social media manager, in realtà, non usa semplicemente i social network, ma li vive, li conosce in maniera approfondita, sa sfruttarne tutte le opportunità offerte e scovarne le potenzialità nascoste, comprende le logiche che ci sono dietro un semplice post o un commento, un tweet o una sequenza di hashtag, andando a cogliere quelli che sono i voleri e i bisogni, latenti o meno, di chi frequenta un social network, per riuscire ad applicare la strategia di social marketing più appropriata alla situazione e, soprattutto, agli obiettivi del cliente e dell’azienda.

Il social media manager, dunque, sembra vivere in solitudine nel suo mondo fatto di testi ed immagini, eppure vi assicuriamo che anche lui ha, come ognuno di noi, degli amici, magari non quelli che tutti si aspetterebbero, ma che, a modo loro, lo aiutano, soprattutto nel suo lavoro. Questi “amici” sono tutta la schiera di web-tool fondamentali per svolgere nel migliore dei modi un’attività che agli occhi dei profani appare semplice, ma che, in realtà, è tutt’altro che facile.

Quindi, un social media manager che si rispetti ha a disposizione degli strumenti che gli permettono di scoprire gli argomenti più interessanti che attirano l’attenzione di fans e followers e che li spingono alla condivisione, analizzando i contenuti già messi in comune in precedenza, per capire quali post e quali tweet hanno ottenuto un seguito maggiore (Nexalogy), degli attrezzi che consentono la costruzione ed il mantenimento della reputazione online e della brand awareness individuando, all’interno degli argomenti maggiormente discussi e dibattuti, il valore dei commenti, se essi siano positivi, negativi o neutri, dandogli la possibilità di intervenire tempestivamente in caso di necessità (Rankspeed).

Questi strumenti che monitorano una grande quantità di fonti dalle quali attingere, per poter realizzare contenuti sempre interessanti in base alle parole chiave o agli argomenti indicati dallo stesso social media manager, permettendogli anche di condividere link e articoli direttamente sui propri account social e verificarne l’andamento (Hootsuite), degli utensili che consentono di pianificare la programmazione di link, post e contenuti nell’arco di un intero mese, per mantenere sempre costante e frequente l’attività sui social network (Bulk Scheduler), degli apparecchi che fanno individuare, all’interno della rete dei propri contatti, gli utenti più attivi, comunicativi e popolari, in modo da creare contenuti ad hoc che i cosiddetti influencer possono condividere più facilmente (Twtrland), dei dispositivi che fanno in modo di avere una fotografia completa sui propri utenti medi per compararli con quelli di un brand concorrente e verificare la bontà, o meno, della propria strategia di marketing (SocialBro), dei congegni che fanno avere informazioni e dati statistici sui visualizzatori di un singolo video o di un intero canale nel caso di compagne marketing basate sull’utilizzo di contenuti video (YouTube Analytics), e delle macchine che offrono la possibilità di controllare, in contemporanea, tutte le richieste e tutti i messaggi in arrivo sui propri account social (Zendesk).

L’assistenza di un social media manager è uno dei servizi che offre la 4 M.A.N Consulting, società di consulenza aziendale fondata dal dott. Roberto Castaldo, che ha, nelle ultime settimane, dato vita alla propria Divisione Web, formata da un team di professionisti pronti ad operare un check-up del posizionamento web dell’azienda cliente per individuare ed utilizzare, secondo gli obiettivi definiti dall’imprenditore, gli strumenti più consoni al loro raggiungimento.

Commenta
Condividi