Giovani e lavoro: come affrontare un colloquio e ottenere il posto di lavoro

L’ingresso nel mondo del lavoro non è mai stato un percorso in discesa,

Condividi

Intervista a Roberto Castaldo, Mental Coach e Senior Partner della 4 M.A.N. Consulting srl, rilasciata su Borse.it il giorno 8 novembre 2014:

L’ingresso nel mondo del lavoro non è mai stato un percorso in discesa, ma negli ultimi anni la strada sembra essere diventata sempre più ostica. In base ai dati di Almalaurea, il tasso di disoccupazione è cresciuto di 6,5 punti per i neolaureati (laureati di età 25-34 anni) e di ben 14,8 punti per i neodiplomati (diplomati di età 18-29 anni).

Secondo un’indagine Istat, il 77,6% degli under 30 in cerca di occupazione si rivolge alla rete di amici, parenti e conoscenti, una scelta che sembra dare i suoi frutti (il 44% ha trovato un impiego in questo modo e il 26% grazie a una diretta richiesta a un datore di lavoro). Solo l’1,4% è riuscito ad ottenere un lavoro grazie ai centri per l’impiego.

Per avere maggiori chance di successo in questa fase storica è dunque opportuno , ancor più che in passato, fare attenzione ad alcuni particolari, primo tra tutti la redazione del curriculum vitae in formato europeo, da compilare in modo chiaro ed esaustivo.

“Se sono passati ormai diversi anni dal conseguimento dell’ultimo titolo di studio, consiglio di anteporre l’elenco delle esperienze lavorative al curriculum studiorum. – Suggerisce Roberto Castaldo, esperto nella selezione del personale, e fondatore di 4 M.A.N. Consulting. – Un aspetto che viene spesso trascurato, se non addirittura omesso, è la descrizione delle proprie attitudini, che, contrariamente a quanto si pensa, spesso ricoprono un ruolo molto importante, anche più delle skills, soprattutto nel caso di candidati senza esperienza. Abbiamo riscontrato che scegliere la figura professionale da inserire in organico partendo dalle attitudini personali ha una possibilità di esito positivo più alta del 30%”.

“Una cosa, poi, da tenere bene a mente è che non c’è una seconda occasione per fare una buona prima impressione! – prosegue Castaldo – Negli ultimi colloqui che ho condotto per conto di importanti aziende italiane, oltre il 20% dei candidati presentava un abbigliamento inadatto (gonne troppo corte, maglie scollate, t-shirt con stampe improbabili…). In un incontro, un candidato si è presentato con una lettera di referenze scritta dal padre, che mi spiegava come il figlio fosse un ragazzo educato, disponibile e tanto ammodo, altri sono venuti accompagnati dalla mamma. Per quanto riguarda, invece, la scelta della posizione per la quale candidarsi, è sconsigliabile proporsi per ogni annuncio che si legge per la propria città. Laureati in lettere che si candidano come ecommerce specialist, pizzaioli che si propongono come venditori… E’ importante individuare i propri punti di forza e puntare su quelli, altrimenti il rischio è di sembrare poco confusi e, soprattutto, poco sicuri della bontà della propria preparazione professionale”.

“Un’ultima cosa che vorrei ricordare agli aspiranti candidati è che siete voi a dovervi adeguare agli orari lavorativi, e non viceversa. Questo può sembrare un concetto scontato, ma purtroppo non lo è per tutti. Nelle ultime selezioni, un candidato mi ha detto di non poter iniziare a lavorare prima delle 10, perché dalle 8 alle 10 prega, un altro di aver bisogno del sabato e della domenica liberi, perché gioca al fantacalcio…” conclude Castaldo.

5 CONSIGLI PER SOSTENERE AL MEGLIO UN COLLOQUIO DI LAVORO

  • Redigere il CV in formato europeo in modo chiaro ed esaustivo;
  • Non dimenticare di descrivere le proprie attitudini ed i propri interessi;
  • Indossare un abbigliamento appropriato;
  • Inviare la propria candidatura solo se in possesso dei requisiti richiesti;
  • Ricordarsi che è il candidato a dovervi adeguare agli orari lavorativi, e non viceversa.
Commenta
Condividi