CHI È IL CONSULENTE AZIENDALE?

Il consulente aziendale è una persona che, avendo accertata esperienza, pratica e conoscenza della materia in questione, consiglia e assiste il proprio cliente nello svolgimento di atti, fornisce informazioni e pareri sulla gestione del business e dell’impresa. Compito del consulente è, quindi, una volta acquisiti gli elementi che il suo cliente possiede già, aggiungere quei fattori della sua competenza, conoscenza e professionalità che possono promuovere sviluppi nel senso desiderato; in tale contesto è sostanziale il rapporto di fiducia tra il committente e chi fornisce la consulenza, una relazione che può fondarsi su un rapporto consolidato, sulla bravura del consulente o sui titoli professionali ed accademici che egli possiede.

COSA FA UN CONSULENTE AZIENDALE E QUALI SONO I VANTAGGI CHE NE CONSEGUONO?

Un buon consulente aziendale in primis deve avere una grande capacità di ascoltare (come se fosse un medico di famiglia) ed assecondare le richieste, i bisogni e i desideri del cliente, “leggendo” il cliente, le sue preoccupazioni, la sua visione del mercato, la sua descrizione dei problemi reali dell’azienda, del mercato, della concorrenza e dei collaboratori. Questo ha una duplice finalità.

  1. È condizione indispensabile perché l’imprenditore possa fidarsi del consulente, ancor prima di affrontare le problematiche aziendali, ed avviare un relazione proficua con lui.
  2. Rappresenta il punto di partenza per il consulente per operare un esame critico e capire con il cliente se il risultato che vuole raggiungere è fattibile. In questo modo gli si potrà dare un primo feedback, che gli permetterà di orientarsi su risultati più consoni e realizzabili, oppure condividere un percorso fatto di risultati intermedi che nel lungo periodo permettano di raggiungere il risultato finale.

Il consulente, inoltre, deve essere riconosciuto agli occhi di tutti i suoi clienti come concreto, coerente e comprensibile.

Un consulente aziendale, quindi:

  • SUPPORTA imprenditori e manager nella conduzione di un’impresa, nella sua gestione organizzativa e nel miglioramento dei suoi processi
  • AIUTA i clienti a raggiungere l’efficacia e l’efficienza nelle aree di business oggetto di intervento
  • IDENTIFICA le aree di miglioramento sulle quali andare ad agire per generare risultati che abbiano un ritorno effettivo e valutabile
  • MIGLIORA l’efficienza dei processi lavorativi
  • FORNISCE idee e soluzioni nuove a tutti i suoi clienti, che siano spendibili nell’immediato e volte al conseguimento di risultati reali e concreti
  • FA DA SUPPORTO alle scelte direzionali e commerciali per far decollare il Business del cliente
  • ASSISTE le aziende nello sviluppo di attività già preesistenti o nuove, come la creazione di una start up (CONSULENZA PER START UP).
  • APPORTA interventi migliorativi in una o più aree aziendali (Risorse Umane, Marketing, Commerciale, Web, etc.)
  • AIUTA in maniera concreta le aziende clienti, fornendo loro, attraverso interventi compiuti ad hoc, risultati che possono essere tangibili e misurabili.
  • SVILUPPA i talenti e le energie e TRASFERISCE al team aziendale un nuovo know-how per renderlo in grado di raggiungere e mantenere nel tempo i nuovi risultati raggiunti

LE FASI DI INTERVENTO DI UN CONSULENTE AZIENDALE SONO:

  • analisi dei processi, metodologie, strumenti esistenti in azienda prima della consulenza
  • definizione di obiettivi e programmi d’azione di breve, medio e lungo periodo,
  • articolazione dei diversi attori aziendali in unità organizzative, funzioni e divisioni,
  • strutturazione e standardizzazione dei processi operativi e di supporto,
  • implementazione delle procedure e delle policy,
  • controllo di gestione e rendicontazione delle attività,
  • monitoraggio delle prestazioni,
  • attuazione di politiche correttive per la ripresa ed il rafforzamento della posizione del business nel mercato di riferimento.

Ovvero analizzare, progettare, implementare, monitorare e valutare tutti gli elementi chiave dei processi aziendali per cui il cliente richiede una consulenza, dando, poi, successivamente al cliente stesso gli strumenti e le metodologie di lavoro che gli consentano di mantenere nel tempo la qualità e l’efficacia degli interventi attuati in fase di consulenza.

Durante queste fasi, fondamentale è la partecipazione attiva del management dell’azienda cliente. L’ideazione, la presentazione e l’attuazione di un progetto di consulenza, infatti, deve necessariamente partire da una conoscenza approfondita dello scenario del mercato di riferimento, ma deve anche e soprattutto tenere in considerazione le informazioni dirette provenienti dal suo cliente, che possono rivelarsi di grande importanza strategica.

PERCHÉ AFFIDARSI AD UN CONSULENTE AZIENDALE IN OUTSOURCING?

Il ricorso alla consulenza esterna o in outsourcing  da parte di un’azienda  comporta l’affidarsi ad un professionista con un maggior grado di specializzazione per la prestazione lavorativa richiesta e l’abbattimento dei costi imponibili della risorsa al termine della prestazione professionale attraverso forme contrattuali migliori rispetto a contratti di lavoro dipendente.

Se sei alla ricerca di un consulente per la tua azienda, grande o piccola che sia, che ti  aiuti in maniera concreta, fornendoti idee e soluzioni nuove, ma che siano anche coerenti con quelle che sono le tue idee e le motivazioni e con lo sviluppo della tua attività ed inoltre, che siano spendibili nell’immediato e volte al conseguimento di risultati reali e misurabili, affidati alla professionalità ed esperienza dei consulenti della 4 M.A.N CONSULTING

Commenta
Condividi