Aumentare la motivazione dei dipendenti in 4 semplici passi

Adam Buck – amministratore delegato della Phaidon International di Londra – suggerisce quattro fattori importanti per aumentare la motivazione dei dipendenti. Per ciascuno di essi, indica una check list di controllo.

COMUNICAZIONE. La gestione di una comunicazione efficace in azienda è uno dei fattori chiave che influisce maggiormente sulla soddisfazione dei propri collaboratori perché costruisce fiducia, lealtà e migliora le relazioni; tutto ciò favorisce maggiore dedizione e produttività all’interno del team.

Condividi

Adam Buck – amministratore delegato della Phaidon International di Londra – suggerisce quattro fattori importanti per aumentare la motivazione dei dipendenti. Per ciascuno di essi, indica una check list di controllo.

COMUNICAZIONE. La gestione di una comunicazione efficace in azienda è uno dei fattori chiave che influisce maggiormente sulla soddisfazione dei propri collaboratori perché costruisce fiducia, lealtà e migliora le relazioni; tutto ciò favorisce maggiore dedizione e produttività all’interno del team.

Check-list:

  • Fornire ai dipendenti una comunicazione diretta e frequente.
  • Fornire un livello di empatia ragionevole nei confronti dei dipendenti.
  • Incoraggiare una comunicazione aperta tra i membri del team per creare collaborazione e costruire buone relazioni di squadra.
  • Ascoltare i collaboratori e mostrare loro rispetto.
  • Dare l’esempio.
  • Utilizzare obiettivi SMART per comunicare aspettative chiare.
  • Fornire feedback onesti, coerenti e sinceri.
  • Gestire ciascun collaboratore individualmente.
  • Avere pazienza.
  • Essere flessibili.

RESPONSABILIZZAZIONE. I collaboratori più responsabilizzati sono spesso quelli più impegnati, innovativi e produttivi soprattutto se la responsabilizzazione si fonda sulla condivisione di un obiettivo comune che dia un senso al lavoro quotidiano.

Check-list:

  • Creare opportunità di innovazione a cui possano partecipare i collaboratori.
  • Mantenere una mente aperta: chiedere pareri e sostenere nuove idee e metodi.
  • Condividere le decisioni importanti con i collaboratori.
  • Lasciare ai collaboratori il merito del loro lavoro e non prenderselo per sé.
  • Riconoscere i punti di forza di ciascuno.
  • Incoraggiare la creatività ed abbracciare il cambiamento.

FATTORE DIVERTIMENTO. Nel vortice di attività da svolgere ogni giorno, scadenze da rispettare, progetti complessi da portare a termine spesso è facile mettere in secondo piano la creazione di un clima positivo che rende qualsiasi lavoratore più performante. È necessario, però, trovare il modo di motivare la propria squadra anche con lo “star bene insieme”.

Check-list:

  • Celebrare i risultati raggiunti da ciascuno.
  • Ricompensare una buona prestazione mediante un riconoscimento formale, tempestivo e pubblico.
  • Ispirare i collaboratori con incontri motivazionali per celebrare i successi e trovare soluzioni alle possibili problematiche da risolvere.
  • Ideare dei modi per divertirsi mentre si lavora.
  • Incoraggiare il legame sociale tra i membri della propria squadra.

RAFFORZARE L’EMPLOYEE VALUE PROPOSITION (EVP) cioè l’affermazione del valore del dipendente che indica l’esperienza offerta da un datore di lavoro in cambio della produttività di un dipendente. Il rapporto tra le prestazioni di lavoro ed i benefici deve essere bilanciato per poter creare una relazione di successo.

Check-list:

  • Comunicare regolarmente ed apertamente i vantaggi (incentivi, premi, opportunità di carriera) offerti dall’azienda.
  • Avere una chiara vision sul percorso professionale di ciascun collaboratore, chiedendo conferma rispetto all’allineamento tra i suoi obiettivi di carriera e lo sviluppo possibile in azienda.
  • Fornire sostegno e risorse per la crescita professionale di ciascuno.
  • Promuovere un modello interno basato sulla meritocrazia.
  • Evitare approcci stile “bastone e carota”.
  • Fornire opportunità di apprendimento di valore interno all’azienda.
Commenta
Condividi