8 CONSIGLI PER LA TUA START UP

VUOI CREARE UNA STAR UP MA NON SAI DA DOVE COMINCIARE? LEGGI QUI …

Hai un’idea, un sogno nel cassetto da tanto tempo che vuoi trasformare nel tuo business, nella TUA START UP, ma non sai da dove cominciare?

 

  1. La prima domanda da porti dovrà essere: qual è la mia idea? Per creare una start up è necessario prima di tutto avere un’idea di business, non una semplice idea, bensì un’idea intorno alla quale creerai la tua start up che:
  • Sia la risposta ad un problema da risolvere alle persone o almeno da riuscire a semplificare in maniera innovativa rispetto agli altri. Una volta che hai individuato il problema la soluzione si venderà da sola!
  • Sia applicabile sul mercato
  • Sia in grado di generare fatturato

Ricordati che il successo della tua start up  sarà in gran parte determinato dalla tua idea e da come la realizzerai. Quindi, prenditi tutto il tempo necessario affinché tu possa “avere” un’idea vincente.

 

  1. Il secondo passo, che so ti suonerà strano, è quello di condividere la tua business idea con tutti senza timore.

Condividere la tua idea di business non significa scriverla su tutti i social e vedere quanti like totalizzi, ma di cercare di ricevere feedback dalle persone che ti circondano e che reputi maggiormente obiettive ed attente e disposte a darti consigli. Infatti, spesso ci convinciamo che la nostra sia l’idea migliore, quella vincente, quella che cambierà il mercato, ma magari lo è solo nella nostra mente, per questo è necessario sin da subito un primo confronto. Fai tesoro dei feedback ricevuti positivi, ma soprattutto di quelli negativi. Perché ho scritto “condividere la tua business idea con tutti senza timore”? Perché devi stare tranquillo che nessuno copierà la tua idea, sia perché non essendo ancora strutturata cambierà e/o si arricchirà di altre mille parti che resteranno sconosciute alle persone a cui l’avrai detto (perché all’inizio non lo sai neanche tu), sia perché gli squali del mondo imprenditoriale sono interessati a copiare dei modelli di business già funzionanti e non idee iniziali di cui non sanno neanche la riuscita. Quindi stai tranquillo, l’idea di business per la TUA START UP  è al sicuro anche se ne parli con altri!

 

  1. Ricorda una cosa fondamentale: il coraggio di mettersi in gioco e la forza di volontà non ti dovranno mai mancare, anche se la strada per creare una start up non è sempre facile. Ricorda, inoltre, che se vuoi veramente creare la tua start up, devi lavorare duro e non “quando hai tempo”, perché il progetto richiederà tantissime energie e una totale dedizione soprattutto all’inizio! Se credi di avere le giuste caratteristiche e pensi di poter lavorare duro per realizzare il tuo sogno, allora sei già sulla buona strada.

 

  1. Crea un TEAM forte, competente e soprattutto coeso. È fondamentale scegliere le persone giuste che ti accompagneranno in questo viaggio. Non scegliere guardando solo le loro competenze professionali (che ovviamente sono importanti), ma anche e soprattutto la loro capacità di lavorare in team, l’entusiasmo e la voglia di condividere il tuo obiettivo. Questa fase è molto delicata e non subito riuscirai a costruire un gruppo di lavoro con queste caratteristiche, ma una volta creato non fartelo scappare, coinvolgi ogni giorno le persone che sono al tuo fianco, stimolale, ascoltale!

 

  1. Testa il tuo prodotto. Ma non la sua versione definitiva: diciamo una versione ancora imperfetta per raccogliere ulteriori risultati prima del lancio definitivo. Ora ti starai chiedendo “come faccio?”. Beh dipende da che tipo di start up stai creando… un modello che sicuramente potrà aiutarti è il Business Model Canvas, che ti permetterà di progettare il tuo modello di business in modo essenziale. Ma se vuoi essere certo di non sbagliare questo delicato passaggio, di sottoporre i giusti “test” e analizzare bene i feedback ricevuti dai tuoi potenziali clienti e capire realmente quali sono i miglioramenti da apportare, è meglio affidarti a qualcuno che fa questo da anni: 4 M.A.N. CONSULTING.  Dalla raccolta ed analisi di queste preziose informazioni “nascerà” il tuo prodotto definitivo.

 

  1. Decidi che forma giuridica dare alla tua start up! Anche questo è un assaggio fondamentale. Le forme giuridiche delle imprese sono molto diverse tra loro e tu dovrai scegliere quella che meglio si adatta alla tipologia della tua start up usufruendo così delle migliori agevolazioni.

 

  1. Come finanziare la tua start up? Le possibilità di finanziamento per una start up sono davvero tante ma il comun denominatore tra di esse, per trovare finanziamenti è: portare dati convincenti ed essere tu stesso molto convincente in fase di presentazione. Se hai tuoi fondi da investire, non impegnarli totalmente in un singolo progetto che, per quanto valido, è sempre molto rischioso. Conosci i vari strumenti e poi scegli quello più adatto alla tua start up. Puoi scegliere tra:
  • finanziamenti tradizionali (banche e società finanziarie)
  • sistemi di finanziamento legati al web (come il CROWDFUNDING)
  • ricorrere ai VENTURE CAPITAL od ai BUSINESS ANGEL

 

  1. Comincia a frequentare il mondo italiano delle start up. Ogni giorno vengono organizzati molti eventi tra gli start upper italiani che ti permettono di confrontarti, di partecipare a gare e di fare uno speech davanti agli investitori. Che cos’è uno speech? È una presentazione della durata di pochi secondi, durante i quali devi riuscire a convincere chi ha i soldi da investire a credere in te, ed a voler saper di più del tuo progetto.

 

Creare una start up, la TUA START UP, può essere difficile (anche se spero di averti aiutato un po’ con i miei consigli), alle volte fallimentare, ma sicuramente può essere l’inizio di una nuova avventura che può portarti alla piena realizzazione di quelli che credevi essere solo i tuoi sogni e alla piena soddisfazione professionale!!!
E tu chi aspetti? Potresti essere uno dei 9mila potenziali startupper italiani innovativi. Contattaci e ti aiuteremo a trasformare le tue idee in un progetto vincente!!!!

http://www.4mancons.it/it/consulenza-di-marketing-napoli/

 

Commenta
Condividi